La pubblicazione sul PVP nelle esecuzioni immobiliari

Il libretto verde delle esecuzioni immobiliari – versione 2018, ha visto già il suo primo aggiornamento: è stato pubblicato l’Appendice 1 intitolata “La pubblicazione sul PVP nelle esecuzioni immobiliari“.

LIBRETTO VERDE-PROF DELEGATO-2018-Appendice 1

L’articolo si struttura in tre parti: la norma, le istruzioni emanate dai G.E. del Tribunale di Firenze, i consigli. In questi ultimi si è cercato di dare indicazioni che possano in via del tutto prudenziale consentire al Professionista Delegato di evitare le insidie e le trappole che purtroppo il PVP sembra comportare (perdite di tempo inutili, duplicazioni di lavoro).

In particolare, il principale intoppo ad un rapido ed utile svolgimento della procedura sta nella richiesta del contributo per la pubblicazione PVP al creditore procedente.
Di solito abbiamo a che fare con Istituti di Credito che hanno tempi di pagamento veramente troppo lunghi.
Chiedere il pagamento del contributo dopo aver già redatto l’avviso di vendita appare veramente rischioso, in quanto è probabile che non si riesca ad effettuare la pubblicazione sul PVP almeno 45 giorni prima della vendita (termine richiesto dal c.p.c. per la validità della pubblicità).
Questo comporterebbe dover sospendere tutto, relazionare al G.E., il quale dovrà emettere un ordine di pagamento a carico del creditore procedente (o degli intervenuti con titolo). E magari nel frattempo il creditore effettua il pagamento…

Pertanto, appare consigliabile completare l’operazione di pubblicazione sul PVP prima di emettere l’avviso di vendita ed effettuare tutti gli adempimenti conseguenti. Molto probabilmente tutto ciò comporterà un rallentamento della procedura, ma l’alternativa pare sinceramente peggiore

Per un approfondimento sul PVP, si consiglia:

Questa voce è stata pubblicata in Esecuzioni Immobiliari e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.